22 maggio 2019

Alla fine tutte le cose della creazione aspirano a somigliare al Creatore

Proprio come gli esseri umani hanno aspirazioni e speranze, anche tutte le cose della creazione le hanno, anche se su un livello diverso. Senza questo, non possono connettersi a Dio. Alla fine tutte le cose della creazione aspirano a somigliare a Dio.

La più grande domanda *
La più grande domanda nel mondo scientifico oggi è se i fenomeni nell'universo siano il risultato dell'evoluzione o se siano stati creati dalla volontà di qualcuno. Le persone vogliono sapere se la vita è originata da uno scopo o se si è evoluta attraverso mutazioni casuali. Se l'evoluzione è vera, chi ha determinato la sua direzione? L'evoluzione punta verso uno stato di sviluppo più elevato. Ogni elemento determina il proprio obiettivo? Qualcuno sa in quale direzione andrà? L'evoluzione ha bisogno di input di nuova energia per svilupparsi in uno stato superiore. In che modo il processo di evoluzione ottiene la sua energia?

21 maggio 2019

Ulteriori riflessioni su “IL PROFESSORE, la Morte e la ragazza”


Gran pubblico e argomenti seri durante la presentazione del romanzo: “IL PROFESSORE, la Morte e la ragazza”, di Antonio Saccà (Armando Editore), presso la Dolcevita Gallery, via Palermo, 41, Roma. Ne hanno discusso Francesca Puglisi, responsabile culturale de Il Tempo, il giornalista Massimo Nardi e lo stesso Autore. Si tratta di un vero e proprio romanzo, complesso, politematico  quando un professore, ritiratosi dall'insegnamento, cambia vita non avendo la quotidianità culturale e diventa più attento alla società, scoprendola degradata, mescolata, feroce,
notava Puglisi, mentre incombe su di lui il terrore della morte, notava Massimo Nardi... Saccà ha rilevato come il suo libro coniuga drammaticamente la asperità dei problemi quotidiani che la società accentua invece di aiutare il  cittadino con i grandi problemi esistenziali (Dio, la morte, l'enigmaticità dell'esistenza), notando come i meschini problemi quotidiani invadono a tal punto l'esistenza  da impedire alla mente di pensare le questioni fondamentali della vita, si che ormai vi è una società terra-terra, una società senza scopi di civiltà. Hanno letto eccellentemente brani del testo Sabrina Tutone, Massimo Anzalone, Riccardo Moccia.

17 maggio 2019

Interdipendenza


Tutti gli esseri, grandi e piccoli, sono collegati in una rete di relazioni interdipendenti. Isolati dal tutto, nessun individuo potrebbe esistere. Quindi, pensare a "me stesso" come individuo separato è un errore fondamentale della cognizione. Einstein la definì "un'illusione ottica della coscienza... una specie di prigione, che ci limita ai nostri desideri personali e all'affetto di alcune persone più vicine a noi". Disse che dovremmo "liberarci da questa prigione, allargando la nostra cerchia di compassione per abbracciare tutte le creature viventi e tutta la natura in tutta la sua bellezza".
in realtà, ogni essere è immerso in una rete di causa ed effetto - una catena di "concatenazione" secondo un testo buddista - che si estende fino ai confini dell'universo. Questa comprensione è la base dell'insegnamento buddhista del "non-sé", riconoscendo che tutti gli esseri sono "io" ed "io" sono tutti gli esseri, è la radice dell'etica buddhista della compassione. È un rimedio alla malattia dell'individualismo, che porta le persone a credere che l'obiettivo sia la "mia" salvezza. In effetti, nessun essere umano può raggiungere la pace definitiva finché gli altri stanno soffrendo.

14 maggio 2019

Lo scopo duplice

La teoria dell'evoluzione comprende lo scopo individuale di autoconservazione, anche se non coglie lo scopo ultimo del tutto

Osserviamo l'esempio dei nostri occhi. L'occhio ha lo scopo di auto-esistenza, ma anche di servire tutto il corpo. L'orecchio deve funzionare automaticamente, ma aiuta anche il tutto. A causa di questo scopo tutto, dalle particelle alla creazione più grande, ha il diritto di esistere. Come potrebbe l'universo essere correlato? È perché tutti gli individui hanno due obiettivi: uno è quello di proteggere se stessi e l'altro per assicurarsi che il sé si combini con un altro sé per creare un sé più grande. La teoria dell'evoluzione comprende lo scopo individuale di autoconservazione, anche se non coglie lo scopo ultimo del tutto.

Gli studiosi più coscienziosi oggigiorno non hanno una risposta alla domanda su come si perpetua l'universo e quale sia il suo scopo. La loro conclusione è che non ha scopo, ma va avanti e avanti e perirà a un certo punto. Ma sappiamo che questo non è vero; qualcosa può sembrare perire, ma mentre svanisce si formerà qualcos'altro. Questo succede perché tutto ha uno scopo. Lo stesso principio vale per ogni aspetto dell'universo. Gli individui si riuniscono per soddisfare i bisogni individuali, ma anche allo scopo di formare un essere più grande. Se qualcuno vuole essere un grande personaggio, deve essere disponibile come oggetto all'intero universo come suo soggetto. Deve essere degno di questo.

"Il professore, la morte e la ragazza"

Presentazione del libro del professore Antonio Saccà, 
"Il professore, la morte e la ragazza"

L’incontro è promosso dall’Associazione Cibo & Arte di Loredana Paolesse. Parlerà del libro Francesco Puglisi. Interverrà Massimo Nardi. 
Il romanzo narra di un professore che uscito dall’insegnamento è afferrato dagli inconvenienti della quotidianità, furti, pagamenti, insicurezza, sì che egli pur volendo vivere, appassionarsi alla vita e investigare i grandi temi dell’esistenza, Dio, la morte, sente che la società non lo protegge e gli rende ardua la possibilità di vivere. Lo scontro tra le difficoltà sociali e la voglia di vivere rende la narrazione umoristica e drammatica al punto che perfino la morte perde significato travolta dalle incombenze quotidiane. 

Mercoledì 15 maggio 2019 - ore 17:00
presso Dolce Vita Gallery - Via Palermo, 41 Roma
Armando Editore


13 maggio 2019

La causa nascosta, lo scopo e la direzione dietro l'evoluzione naturale


Molte persone affermano che esiste un processo di evoluzione spontanea e che tutto avviene naturalmente. Tuttavia, anche dietro questa evoluzione "naturale" vi è una causa, una direzione e uno scopo nascosti attraverso i quali tutto segue una certa direzione disciplinata e uno stile di vita. Tutto ciò che esiste si sta muovendo nella sua direzione specifica, sforzandosi continuamente di raggiungere la sua perfezione e raggiungere un obiettivo comune.

Gli evoluzionisti insistono sul fatto che il percorso di sviluppo nel mondo segue una linea retta, eppure l'intero universo si muove in un movimento circolare. Le stagioni seguono nella stessa sequenza e la storia si muove in cicli. Se tutto nell'universo avanza in uno schema circolare, perché l'evoluzione stessa non segue lo stesso schema? L'elettricità scorre attraverso il circolare dare e ricevere di più (+) e meno (-). Anche all'interno della materia dura come il diamante, il movimento circolare è visto tra il soggetto e l'oggetto all'interno di miliardi di atomi; quando il loro dare e ricevere è strettamente organizzato, quegli atomi creano una materia dura. Esaminando l'universo, concludiamo che la vita dell'uomo deve essere inclusa in questa legge universale; l'uomo non proviene solo dalla terra per vivere una vita e poi svanire. La vita umana implica molto di più.

10 maggio 2019

Dio ha creato l'intero universo con l'uomo come modello *

Né il pollo né l'uovo sono venuti prima *

Dio ha creato l'intero universo con l'uomo come modello *
Anche se gli uomini credono comunemente nell'evoluzione, l'evoluzione è solo un'osservazione risultante della creazione. L'universo non è un risultato arbitrario di forze non orientate. Dio pianificò la Sua creazione dalle forme più primitive alle più supreme della vita. Aveva un piano ben definito fin dall'inizio, e sapendo quale tipo di uomo avrebbe voluto creare, come la suprema gloria della sua creazione, Dio pianificò il resto dell'universo di conseguenza.

7 maggio 2019

La natura del Maschile e del Femminile e il loro rapporto l'uno con l'altro

Né il pollo né l'uovo sono venuti prima

Passaggi tratti da 43 interventi a domande e risposte da Padre Moon tra il 1976 e il 1999. Argomenti su la struttura completa della creazione, i concetti di evoluzione, la realizzazione della terza benedizione del dominio dell’uomo sulla creazione, riportata nella Bibbia in Gen. 1:28. 
Padre e Madre Moon sono i fondatori della Universal Peace Federation.

1. La natura del maschile e del femminile e il loro rapporto l'uno con l'altro
Pensate all'universo. Perché sono stati creati un uomo e una donna? Immaginate se solo un uomo fosse stato creato. Perché l'universo ha finito per essere così com'è? Alcuni dicono che tutto è accaduto secondo la legge della selezione naturale, ma ci sono maschi e femmine negli uccelli, pesci, cavalli, gatti, libellule, formiche e persino nei microbi. Perché è successo in questo modo? Chiunque dica che tutto è accaduto per caso è pazzo. Non potrebbe accadere senza una causa.