18 aprile 2017

La Mostra dei testi pittorici di Federico Monzani

di Antonio Saccà

Considero Federico Monzani un umorista della pittura. I suoi quadri concepiscono una situazione, la disegnano, la colorano, e questa è pittura, ma il più delle volte ciò che viene rappresentato fa sorridere a prima vista, in quanto è un'invenzione personale e divertente, e questo è umorismo. La tecnica è ribadita, un fondale vuoto, spesso verdino e figurine di animali o di tondini umani bambineschi. E scatta l'invenzione: umoristica, dicevo, e anche delicata.

17 aprile 2017

“Il Labirinto di Sisifo. Memorie di un Superuomo malinconico”


Si è tenuta a Messina, presso il Centro Culturale “Amici della Sapienza, in Via Falconieri, 11, la presentazione del romanzo filosofico di Antonio Saccà: “Il Labirinto di Sisifo. Memorie di un Superuomo malinconico”, Edizione ArteScrittura. Dopo l'introduzione della Presidente del Centro. Teresa Rizzo, la più attiva promotrice culturale della Città, è stato proiettato un Video curato dallo scrittore Aristide Casucci, il quale ha intrecciato efficacemente notizie sulla figura di Sisifo, che per due volte sfuggì alla morte, ingannò Giove, fu da Giove condannato a trascinare un masso che sempre ricadeva,  ha inserito musiche di Ludwig van Beethoven, e considerazione sul libro

Si è svolta, ai primi di aprile, la Giornata Internazionale dello Sport, per lo Sviluppo e la Pace


Si è svolta, ai primi di aprile, la Giornata Internazionale dello Sport, per lo Sviluppo e la Pace. Non è casuale la data del 6 aprile scelta per tale ricorrenza ideata dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico), poiché commemora, creando una continuità ideale, la data di inizio dei primi Giochi Olimpici del 1896, quest’anno al loro 121^ anniversario. Ciò ad enfasi dell’enorme potenziale dello sport nel promuovere cambiamento sociale, unire le persone e diffondere una cultura di pace.
“Questa giornata mondiale sottolinea il potenziale dello sport nel sostenere i progressi nel campo dei diritti umani, nell’eliminare barriere e promuovere la solidarietà globale.” (Ban Ki-moon – Segretario Generale dell’ONU)

30 marzo 2017

Cos’è una notizia vera?

Il Mondo della Comunicazione: la coscienza della società


di Giorgio Gasperoni

In una società di conflitti e diverse ideologie i mezzi di comunicazione svolgono un ruolo importante nel determinare se viviamo in pace o in guerra. L’obiettivo è di raggiungere una società più giusta - una società basata su un sistema di valori veri. Il raggiungimento di quest’obiettivo, dal mio punto di vista, è molto più probabile da raggiungere tramite un buon lavoro dei mezzi di comunicazione che da qualsiasi altra istituzione.
Qual è il ruolo del giornalista, allora, nel contesto odierno? La rivoluzione digitale sta cambiando totalmente il modo di comunicare: si è nello stesso tempo sia utilizzatori sia produttori di notizie multimediali. In questa nuova situazione, i giornalisti devono scoprire un nuovo ruolo sociale, i loro doveri e anche i loro diritti.

"Buono" e "cattivo" tra tradizionalisti e modernisti

Una delle tensioni fondamentali nel mondo contemporaneo esiste tra le società tradizionali e la modernità 


di Giorgio Gasperoni
Per "società tradizionali" ci si riferisce a coloro che sono collegati alle comunità o culture tradizionali. Questo include l'accettazione di credenze religiose ricevute e/o scritture, la fedeltà al leader della comunità, e modellare la propria vita in base a come le cose sono state fatte in passato. "Società modernista", d'altra parte, si riferisce a quelle società che hanno fede nella scienza, istituzioni sociali moderne come lo stato burocratico, e coloro che vogliono costruire un nuovo e diverso futuro, basato sulla ragione e la scoperta.

L’aggressione verso la donna giustifica il raptus?

Da troppo tempo sui mass media si leggono notizie sulla rapida escalation di violenze fisiche o verbali verso il mondo femminile, soprattutto quello che avviene nell’ambito della famiglia!
Di Franco Previte
A suo tempo è stata ricordata la “Giornata Internazionale per l’eliminazione delle violenze contro le donne “, dove è inderogabile per ogni connivenza sociale e civile riflettere su questo ormai deplorevole e pietoso fenomeno che quasi giornalmente avviene in l’Italia.
Infatti avvengono “fattacci” a danno delle persone in condizione genetica di varie sindrome, di ritardo mentale, di disabilità fisica, di estrema depressione, ma tutti, esprimono una menomazione funzionale, una infermità, una debolezza caratteriale.

28 marzo 2017

ENIGMA TURCO

Ponte di passaggio tra Europa ed Asia, Culla di antiche civiltà, la Turchia, paese islamico, ma laico, con un tessuto umano estremamente composito, è sconvolta da una serie di gravi attentati, che ne compromettono gravemente il futuro

di Emilio Asti
Sconvolta da numerosi attentati, che hanno seminato il terrore, l’ultimo dei quali, avvenuto la notte di Capodanno ad Istanbul, ha provocato parecchie vittime, la Turchia sembra attraversare uno dei periodi più drammatici della sua storia. Alla luce dei recenti drammatici avvenimenti, accompagnati da misure restrittive, che destano serie preoccupazioni anche al di fuori dei confini nazionali, la prospettiva di un’entrata nella UE, della quale la Turchia da tempo ambiva a divenire membro, si allontana sempre più. In stato di continua allerta la Turchia, la cui situazione economica ha registrato un netto peggioramento, con la moneta nazionale che perso molto del suo valore, appare ora avviata verso una deriva autoritaria.

Il sistema elettorale è democratico?


di Andrea Valgoi
C’è qualcosa che non va nella democrazia occidentale: minor afflusso alle urne, scarsa partecipazione e interesse in generale, sfiducia nel sistema, sviluppo di movimenti populisti. Questi sono solo alcuni dei sintomi della “malattia” che ha colpito la maggior parte delle democrazie occidentali. 
Se chiediamo alle persone di tutto il mondo, dall’America, all’Australia, dal Medio Oriente al Giappone quale sia la forma di governo migliore affinché sia il popolo ad avere la sovranità, la risposta, magari con qualche pausa di riflessione, sarà certamente la democrazia. Se chiediamo alle stesse persone se abbiamo fiducia o meno dei propri governanti e rappresentanti politici, la risposta sarà un netto no, senza pause di riflessione. Per fare un esempio, i partiti politici, espressione fondamentale della democrazia, sono considerati dagli italiani, l’emblema della corruzione. Questo dato emerge dal Global Corruption Barometer.