11 giugno 2022

KOSOVO: CONVEGNO DI UNIVERSAL PEACE FEDERATION PER LA PACE NEI BALCANI

“Pace, sicurezza e sviluppo nei Balcani occidentali” è il tema del convegno della Balkan Leadership Conference, che si terrà oggi sabato 11 giugno 2022 presso lo Swiss Diamond Hotel di Pristina in Kosovo. 

Il Convegno si svolge sotto l'egida di Albin Kurti, Primo Ministro del Kosovo e vedrà la partecipazione di eminenti leader dei Paesi balcanici, delle istituzioni regionali e delle nazioni europee.  Sponsorizzato dall’Universal Peace Federation, l’evento è organizzato in collaborazione con la KosovaPress Agency, la Washington Times Foundation, l'International Media Association for Peace (IMAP) e l'International Association of Youth and Students for Peace (IAYSP).

I temi che saranno affrontati nelle sessioni in cui si articola l’incontro sono: Pace, Sicurezza e Sviluppo nei Balcani occidentali; Reportage etico in situazioni di conflitto; Crescita della credibilità del giornalismo nei Balcani; e Interazione tra i giovani e il futuro dei Balcani.

7 giugno 2022

Le sfide contemporanee alla pace e all'ordine globale: la ricerca di soluzioni

di Vittorio Patanella

Asia Pacifico - "Le sfide contemporanee alla pace e all'ordine globale: la ricerca di soluzioni” è stato il tema della Conferenza sulla leadership internazionale (ILC) organizzata da Universal Peace Federation (UPF-Asia Pacifico), il 30 aprile 2022 in modalità virtuale. Sono intervenuti al forum ex Capi di Stato, parlamentari, leader della società civile, rappresentanti religiosi ed esponenti del mondo accademico, che hanno preso in esame i principi fondamentali di UPF: i Valori universali, l’Interdipendenza e la Prosperità condivisa. 

Moderata da Ursula McLackland, Segretaria Generale di UPF-Asia Pacifico, la prima sessione ha avuto per tema i Valori universali ed è iniziata con le preghiere di quattro esponenti religiosi: il Dottor Phramaha Nopadol Punnasuddhako, Vice Preside senior della Facoltà di Buddismo presso l'Università Mahachulalongkornrajavidyala in Thailandia; il Rev. Sonny Ramilo Tandaguen, Arcivescovo della Chiesa Cattolica Ortodossa americana nelle Filippine; Sua Altezza Pujya Swami Chidanand Saraswati, Presidente del Parmath Niketan Ashram in India; e il Dottor H. Imam Addaruqutni, Segretario Generale del Consiglio indonesiano delle Moschee. 

6 giugno 2022

Albertina Soliani parla del Myanmar

Cari Amici, vi scrivo nel giorno di Pentecoste, cinquanta giorni dopo la Pasqua.

È la venuta dello Spirito Santo. Il meglio che c’è in giro, si direbbe.

Si creda o no, evoca il cambiamento.

“Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra”, Salmo 103.

E l’antica Sequenza ripete:

“Nella fatica, riposo,

  nella calura, riparo,

  nel pianto, conforto”.

Questo giugno vedrà ancora fatica e pianto, a quando il riposo?

Sono molto in pena per il popolo birmano e per Aung San Suu Kyi. Sono soli, sottoposti a ogni violenza e oppressione, affidati soprattutto a sé stessi. Vale soltanto la scelta della loro coscienza, la loro forza interiore, la loro integrità, la loro fedeltà. Virtù personali e collettive. Questo è oggi il Myanmar. Aung San Suu Kyi e il suo popolo sono dei giganti in questo. E’ così difficile riconoscerlo? La comunità internazionale sembra impotente, come anche la guerra in Ucraina dimostra.

Il Myanmar resiste, e muore. Nei giorni scorsi sono stati condannati a morte per impiccagione 4 persone, tra cui Zayer Thaw, un deputato dell’NLD, e Ko Jimmy, che ho conosciuto con Giuseppe, leader degli studenti nel 1988.Non sappiamo quando la sentenza sarà eseguita, sarebbe la prima dagli anni ‘90.

3 giugno 2022

Valori assoluti in relazione al nostro futuro

A cosa ci si riferisce quando si parla di valori assoluti? 

Il pluralismo della religione e della cultura esiste nel mutuo rispetto fondato su una comune base di valori.

Quali sono allora alcune delle cause del declino dei valori della società attuale? Una causa, seppure in sé stessa non sia un fatto negativo, è l'espansione a un livello mondiale della consapevolezza umana. 

I sistemi di valore sono stati finora insegnati da una particolare religione e inculcati attraverso una particolare cultura, ma in un mondo in cui tutte le culture e le religioni si stanno mescolando, essi risultano parziali. Ciò che è necessario, quindi, è una visione di fondo che sappia rispettare i diversi valori di ogni singola religione e cultura e sappia armonizzarle in una società imparziale nei loro confronti.

Ascolta l’audio qui

1 giugno 2022

Corruzione

di Giorgio Gasperoni

Lo Stato non sopravvive senza una cultura che educa i suoi cittadini a essere capaci di autogovernarsi.

Il ruolo della legge di uno stato può essere paragonato al sistema operativo di un computer.

I virus nei computer, come la corruzione politica ed economica, compiono il danno maggiore quando infettano un sistema centrale.

Ascolta l'audiovideo 

20 maggio 2022

Torino: Al Salone del libro “percorsi per una cultura di pace” con l’Upf Italia

Torino, 20 maggio - L’”Universal peace federation”, Upf Italia, presenterà presso la “casa della pace”, padiglione 1 del Salone del libro di Torino, “Percorsi per una cultura di pace”.

Si tratta di un appuntamento, in programma sabato 21 Maggio ore 16, dedicato al dialogo, all’incontro ed all’informazione e nello specifico alla presentazione delle attività internazionali, nazionali e locali sull’educazione alla pace, i progetti connessi a questa e tutte le iniziative a favore dell’interdipendenza, della prosperità reciproca ed i valori universali condivisi.

“UPF - fanno sapere gli organizzatori -, per far conoscere diverse attività, ritiene questi appuntamenti importanti. Iniziative come ‘Un calcio per la pace’ e la ‘Peace road collegata alla costruzione dell'Autostrada Internazionale per la Pace’, per i finì virtuosi meritano sicuramente di essere conosciuti da un pubblico vasto”.

Alla “casa della pace” del Salone del Libro saranno presenti, insieme al presidente della IVª Commissione consiliare del Comune di Torino, anche Sergio Coscia, Agostino Formichella, Maria Gabriella Mieli, Antonio Stango e Carlo Zonato.

15 maggio 2022

Famiglia e Matrimonio

Ogni 15 maggio viene celebrata la Giornata Internazionale della Famiglia proclamata dalle Nazioni Unite nel 1994. 

Lo scopo era di diffondere una maggiore coscienza, a livello Globale, in merito ai processi sociali, economici e demografici che coinvolgono le famiglie nel mondo.

La famiglia è la più piccola unità dove possiamo praticare e perfezionare i Quattro Grandi Amori.




8 maggio 2022

Parliamo di come la pace nel mondo può essere realizzata

Anche oggi in molte aree del globo ci sono conflitti molto aspri… 

La pace e la felicità umana dipendono dallo sviluppo morale e spirituale delle persone. 

Questo, perché la pace mondiale, o la pace nella nazione è realizzata da individui e famiglie. 

Per affrontare le sfidi del 21° secolo noi abbiamo bisogno di veri genitori dell’umanità, di veri insegnanti, di vere autorità che possono educare leader impeccabili sulla base della moralità e della spiritualità.

Allora, come può essere realizzata la pace? Nel mondo d’oggi, l’ordine è stato distrutto. Perciò, stabilire la pace vuol dire ripristinare quell’ordine. 

La pace non è soltanto desiderata sul livello mondiale, ma anche sul livello di nazione, società e famiglia. 

Anche gli individui desiderano la pace in loro stessi.

Di questi vari livelli di pace quale dovrebbe essere stabilito per primo?

Verrebbe da pensare che se la pace nel mondo fosse stabilità per prima, allora su quella base la pace nella nazione, nella società, nelle famiglie ed eventualmente negli individui verrebbe pure ad esistere.

Ma questo è un punto di vista sbagliato. In realtà è necessario il processo inverso per stabilire la pace. 

La pace individuale deve essere realizzata per prima. Poi la pace nella famiglia può realizzarsi e solamente su quella fondazione la pace nella società, nella nazione e nel mondo può essere, di conseguenza, realizzata.

Guarda il video qui