28 giugno 2013

La dignità umana è rispettata?

di Franco Previte,

E’ parola molto in auge, poco rispettata, “usata” in senso molto negativo!
Nella socialità odierna, come sostiene il grande filosofo Emanuele Kant, fine osservatore pensatore acuto ed originale la cui morale razionale è basata sull’idea del dovere, “l’uomo è sempre fine, mai mezzo”, in quanto pur essendo ogni cosa strumento, l’uomo non lo deve essere, quindi la dignità di ogni essere umano deve essere rispettata sempre nella massima considerazione possibile.

Birmania, vietato ultimo numero Time con monaco anti Islam in copertina

LaPresse/AP | 25 giugno 2013

Rangoon (Birmania) - Il governo della Birmania ha vietato la distribuzione dell'ultimo numero della rivista statunitense Time a causa dell'articolo sul monaco buddista Wirathu, accusato di aver fomentato le recenti violenze a sfondo religioso. Lo ha annunciato la TV di Stato birmana, spiegando che la decisione è mirata a prevenire ulteriori disordini. L'ordine è stato emesso da una commissione speciale guidata dal ministro dell'Interno. Sulla copertina dell'ultimo numero di Time c'è una foto di Wirathu con il titolo 'La faccia del terrore buddista'. Il monaco è a capo di un movimento radicale secondo cui la minoranza musulmana in Birmania minaccia la purezza razziale e la sicurezza nazionale. Quasi 250 persone sono state uccise e decine di migliaia, soprattutto tra i membri della comunità musulmana, hanno dovuto lasciare le proprie case a causa delle violenze a sfondo religioso nell'ultimo anno.

18 giugno 2013

Educazione del Carattere

I motivi di una proposta (Video in fondo all'articolo)
Qual è la cosa più importante nella vita? La maggior parte delle persone includerebbe nella loro risposta la professione e la famiglia, o almeno le relazioni umane. Ognuno di noi vuole essere felice e crediamo che ciò sia possibile tramite il proprio ruolo nella società, o la famiglia, oppure le amicizie. Si è consapevoli che si perderebbe qual cosa di molto importante se ci concentrassimo principalmente sull’aspetto economico della professione. Ognuno vuole sentirsi prezioso tramite il proprio ruolo nella società e sicuramente vuole avere successo nelle relazioni con gli altri.
La priorità della Formazione del Carattere, a fianco della Formazione Tecnica, è fondamentale.
Il programma sull’Educazione del Carattere della Universal Peace Federation è stato sviluppato per far fronte alla mancanza di una comprensibile educazione morale per i bambini. Il programma è composto di 12 presentazioni più il manuale per gli insegnanti, sono facili e riportano storie che pongono delle sfide morali.
Questo nostro giornale on-line ha lo scopo di dare continuità alla linea editoriale della rivista.
Una sezione dell’UPF si occupa dell’Educazione del Carattere. Svilupperemo diverse video presentazioni.
In questi primi video presento il tema che vi aiuterà a capire in cosa consiste l’Educazione del Carattere:
“L’esigenza per l’educazione e lo sviluppo del Carattere, e il ruolo della religione nell’educazione morale”.

Introduzione
Video

1a parte
Video

2a parte
Video 



Siete invitati ad esprimere le vostre considerazioni ed osservazioni. Se siete interessati alle tre pubblicazioni principali, potete scrivere alla nostra redazione vocidipace@gmail.com

 L’iniziativa dell’Educazione del Carattere è stata ideata per guidare e sostenere i giovani a realizzare i tre scopi di vita, precisamente:

1. Crescere e diventare una persona con un carattere maturo
2. Realizzare buone relazioni e una famiglia di amore
3. Dare un contributo di valore e duraturo alla società

Inoltre, mentre la maggior parte dei programmi sull’Educazione del Carattere mettono in rilievo lo sviluppo delle virtù individuali, l’iniziativa dell’Educazione del Carattere della UPF racchiude tutte le virtù sotto il suo motto:
“VIVERE PER IL BENE DEGLI ALTRI” O “AMORE ALTRUISTICO”

Ogni aspetto del programma è sviluppato con questo motto alla sua radice. I valori chiave che saranno enfatizzati all’inizio del corso sono rispetto, responsabilità, onestà, fiducia, compassione, integrità, gratitudine, perseveranza ed impegno – tutti questi valori sono componenti ed espressione dell’amore altruistico.

La nostra speranza è che questi libri possano beneficiare i giovani in tutto il mondo nell’aiutarli a sviluppare il loro carattere e che possano assisterli nel fare le scelte giuste in relazione a loro stessi, alle loro famiglie, al territorio intorno a loro, alle loro nazioni e a questo mondo condiviso.



16 giugno 2013

Birmania e Aung San Suu Kyi,passi avanti verso la democrazia

Retrò Online | 10 Giugno 2013 

Grandi passi nel processo di transizione della Birmania verso un regime più democratico: si registrano infatti diversi segnali di apertura alla comunità internazionale dopo oltre mezzo secolo di dittatura militare.
Il mercato birmano inizia a risvegliarsi. A Naypyidaw si sono infatti incontrati 900 delegati provenienti da 50 nazioni in occasione del World Economic Forum on East Asia. Il bassissimo costo della manodopera, il basso reddito dei cittadini e l’elevata popolazione del Myanmar rendono questo Stato una potenziale miniera d’oro, che inizia così ad attirare le multinazionali.

Aung San Suu Kyi annuncia la candidatura alla presidenza del Myanmar

AsiaNews/Agenzie | 07 giugno 2013

La 67enne leader dell’opposizione democratica, che ha trascorso 15 degli ultimi 21 anni ai domiciliari, conferma l'intenzione di concorrere alle elezioni del 2015. Per poter partecipare sarà però necessario emendare la Costituzione. Un’operazione difficile, in un Parlamento ancora nelle mani dei militari.
Yangon -- "Voglio correre per la presidenza del Myanmar e lo ammetto con tutta franchezza". La leader dell'opposizione democratica birmana Aung San Suu Kyi, conferma il proposito di concorrere per la carica più alta del Paese alle prossime elezioni, in programma nel 2015. Intervenendo al Forum economico mondiale (Wef) sull'Asia dell'est, in programma in questi giorni a Naypyidaw, capitale del Myanmar, la 67enne Nobel per la pace ha ammesso per la prima volta in modo esplicito l'intenzione di sfidare l'attuale capo di Stato Thein Sein e gli altri candidati in lizza per la poltrona.

7 giugno 2013

Notizie dalla Birmania

La Senatrice Italiana Soliani incontra
Aung San Suu Kyi
Cauto ottimismo tra i cattolici kachin per l’accordo fra ribelli e governo birmano
AsiaNews | 01 Giugno 2013

Ieri a Mitkyina i due fronti hanno sottoscritto un patto in sette punti, primo passo verso il cessate il fuoco definitivo. Fonti di AsiaNews parlano di gesto “importante” per la presenza di esponenti di altre minoranze e del delegato Onu; governo e militari hanno capito di non poter vincere con le armi e ora apre a un vero dialogo.